POESIA IN VERNACOLO PDF Stampa E-mail

 

PRIMA CLASSIFICATA

 

 

   TI  VITTI  CRISTU 

Ti vitti Cristu…..
Davanti li scaluna di la chiesa
mentri stinnevi a manu a lu passanti
ca ‘ndiffirenti mancu Ti taliava.
Ti vitti…
‘Ntrusciatu ntôn cartuni ‘mmenzu â strata,
lu celu pi suffitta,’na basula di petra pi capizzu,
li carni arrizzati di lu friddu, lu sdegnu ‘nta la facci di la genti.
Ti vitti ancora Cristu….
‘nta l’occhi dispirati d’un surdatu
mentri cadìa, gridannu matri mia,
e û suli adaciu adaciu scumparìa
annigghiatu da lu fumu di cannuna.
Ti vitti Cristu…
’ntê lacrimi dâ matri, c’aspetta sularina a la finestra
lu figghiu ca ‘na notti ‘i primavera, finì la cursa ‘ncapu lu muturi,
l’ali muzzati prima di vulari.
Ti vitti….
‘nta lu lettu di spitali, lettu di spini, lettu di duluri,
nudda spiranza dintra di lu cori.
Ti vitti Cristu…
‘nta la facciuzza lorda d’un carusu
c’addumannava tri sordi ‘i cumpassiuni,
jttatu ‘ntâ n’agnuni di la strata.
Quanti voti T’haiu vistu Cristu,
quanti voti li spaddi T’ha vutatu,
quanti voti avissi vulutu turnari ‘nnarrè,
stenniri la manu, rialari un surrisu, ‘na parola , ‘na carizza…..
Pirdunami Cristu,
si T’haiu vistu e T’haiu abbannunatu.

Margherita Neri  (Cefalù – PA)

 

 

L’autrice ha saputo condensare tèmi di forte impatto e di denuncia sociale (il clochard e la mendicità, la disperazione e la malattia, la guerra e la morte giovane ), in immagini fortemente icastiche, scandite dal ritmo martellante dell’anafora e rese più suggestive dal contrasto con l’indifferenza della gente, ingiustamente offesa dallo spettacolo della miseria, e col sordo rimorso dell’io lirico. [Fabio Dainotti]

MARGHERITA NERI.VERN..jpg

 

Ti ho visto Cristo – Ti ho visto Cristo… Davanti la gradinata di una chiesa, mentre stendevi la mano ad un passante che indifferente , neanche Ti guardava. Ti ho visto… avvolto in un cartone , in mezzo alla strada, il cielo per soffitta,     una lastra di pietra come capezzale, brividi di freddo nel corpo, lo sdegno sul volto della gente. Ti ho visto ancora Cristo… negli occhi disperati di un soldato, mentre cadeva, gridando madre mia, e il sole piano piano scompariva , annebbiato dal fumo dei cannoni. Ti ho visto Cristo… nelle lacrime della madre. che aspetta solitaria alla finestra, il figlio che una notte di primavera finì la corsa sopra il motore, le ali troncate ancor prima di volare. Ti ho visto… nel letto di ospedale, letto di spine , letto di dolore, nessuna speranza dentro il cuore. Ti ho visto Cristo nel visetto sporco di un bambino che chiedeva tre soldi di compassione, gettato in un angolo della strada. Quante  volte Ti ho  visto Cristo, quante volte Ti ho girato le spalle, quante volte avrei voluto tornare indietro, stendere la mano, regalare un sorriso, una parola, una carezza… Perdonami Cristo, se Ti ho visto e Ti ho abbandonato.

 

 

SECONDA CLASSIFICATA ex aequo

 

 

QUANTE VUERE
(a papa mije)

I figlje arrevàvene come i cerase,
l’une apprisse all’ate,
e fategàvene duje vrazze, ’nu mu’ue
e lli mauannàte.
L’une apprisse all’ate jìne i cucchiarate:
ze’ Pitre, ze’ Necoue,  ze’ Cicce,
z’Alfrede, e tu,  a ‘nna bbanne,
ze’ Ganne, z’Erminie, ze’Rusine e ze’ Sestine,
a    ‘nn’ata bbanne.
’A ppetìte facì bìde i canneùzze
e llu piatte jèrede smenzàte,
’na vattùte ’i gucchie
e se vedìde ‘u cu’ue du vaciuotte.
Pe’ bbive
’na uangèlle cu’ quatte abbeveratùre,
’na jascke cu’ gunu vuccagklie.
Pe’ lli cchiù zinne, ’u pesciarille.
E jì, ca quanne mangiamme cu’ tutt’u timpe
’ntu  piatte chjine,
jì, ck’evìje studiate,
me uamentàve ca te sentìje ’i surchià,
ammuije ca vevìse
’ntu bucchire addu’ ce vìne vìppete ll’ate.
“Mare a cu’ fa’ llu figlie chiù accurte ’i jìlle”:
mu’ repetìse spisse ’stu ditte,
e jì evìje studiate.
Jì evìje studiate e  jère giùvene,
e a  ‘nne sapìje nente du munne,
tu ’nvece an t’evise maje scurdate
’i quanne jérese preggiunìre
e pe’ guije ’ì vive ’na gocce ’i gacque  
t’abbeveràvese ’nti ciampecàte di’ cavalle
s’avis’a fortune di ’ffruntà.
Tu an t’evìse scurdàte ’i quanne jìse sunànne
e facise vìve prime ll’ate i musicante,
e doppe ’i  ventecincke o trente
’u bucckìre arrivavede addu tije
ck’an se capescide su vine jere truve o jere sencire.
E jì,
ck’evije studiate, e jère vurde,
te vu-uìje ’mpara’ come se mangiàvede e se vevìde.
Papà,
quante ce vuère vìve, mo’,  ’ntu stesse bucchire tuje.
Ué papà,
cke musicke cke fujèrede  ppe’ mije
s’’a putere sinte ancore ’a surchiatine
’i quanne te mangiavese i raschkatille e lli uaganèlle    

Giuseppe  Muscetta  (Oriolo – CS)

 

 

La musicalità e l’immediatezza pregnante del dialetto ben si adattano e si coniugano con la spontaneità e il sentimento di un contenuto estremamente palpitante e intenso. Ciò che colpisce è la semplicità profonda del messaggio lirico e la considerazione di quanto possa essere poetica anche la quotidianità, se al fondo c’è la capacità di renderla suggestiva e toccante.    [Maria Olmina D’Arienzo]

 

MUSCETTA.VERNACOLO.jpg

  QUANTO VORREI  (a mio padre)           
I figli arrivavano come le ciliege,/ l’uno dietro l’altro,/ e lavoravano due braccia, un mulo/ e le annate cattive./ L’uno dietro l’altro si inseguivano i cucchiai:/ zio Pietro, zio Nicola, zio Ciccio, / zio Alfredo e tu, da una parte,/ zia Anna, zia Erminia, zia Rosina, zia Sestina/ da un’altra./ La fame faceva vedere le lucciole/ e il piatto era mezzo vuoto./ Un batter d’occhio/ e si vedeva il fondo dell’unico piatto grande./ Per bere una brocca con quattro abbeveratoi,/ un fiasco di terracotta con un solo boccaglio./ Per i più piccoli: ’u pesciarìlle./ Ed io, che quando mangiavamo senza fretta/ nel piatto pieno,/ io, che avevo studiato,/ mi lamentavo perché ti sentivo surchiare*,/  non volevo che bevessi  / nello stesso bicchiere dove avevano bevuto altri./ “Misero colui che fa il figlio più intelligente di lui”:/ me lo ripetevi speso questo detto,/ ed io avevo studiato./ Io avevo studiato ed ero giovane,/ e non sapevo niente del mondo,/ tu invece non ti eri mai dimenticato/ di quando, prigioniero,/ per la necessità di bere una goccia d’acqua/ ti abbeveravi nelle orme dei cavalli/ se avevi la fortuna di incontrarle./ Tu non ti eri dimenticato di quando andavi suonando/ e facevi bere prima gli altri musicanti,/ e dopo di venticinque o trenta il bicchiere arrivava a te/ che non si capiva se il vino era torbido o era limpido./ Ed io, che avevo studiato, ed ero sazio,/ ti volevo insegnare come si mangiava e si beveva./ Papà,/ quanto ci vorrei bere adesso nel tuo bicchiere!/ Papà,/  che musica sarebbe per me/ se potessi sentire ancora ’a surchiatìne*/ di quando mangiavi i raschkatìlle e lli uaganèlle!                                                                                                  
* SURCHIATINE: Il rumore che si produce  mangiando;
**RASCHKATILLE/UAGANELLE: cavatelli e fettuccine fatte in casa.

 

 

SECONDA CLASSIFICATA ex-aequo

 

 

EL DÓNDOEO

‘a cuna da sòea
ninà dae fole
cantae da ‘a rosta
na carega sota
rùstega trata là
svodà dàea nona
che prima del soe
‘a ze ‘ndà al marcà.

‘a se fa caresar
dai sgrafi dee russe
tironar dai gati
tacoear dae ave
inmagae de brombi
che zuga coe lane
inveciae soi feri
a far croze soi ponti.

‘a speta che rive
pian pian ‘a parona
vestia col grembiae
fiorìo come el prà
che ‘a pose el sesto
‘a cave i sopei
‘a se sente straca
col sòito susto.

‘a se cùcia un fià
da ‘a parte pi sghemba
co ciama ae Funsion
na campanea sbecà
tute do triboea
sgrana ‘a corona
coi fasoi del sesto
Calcun e dóndoea.

Laura Vicenzi   ( Bassano del Grappa – VE)

 

Un andamento e un tono fiabesco  introducono, nella Sedia a dondolo, un punto di vista insolito e straniante, mediante il quale il poeta sa dar voce alle umili creature e alle cose inanimate della vita di ogni giorno, per evocare, in un’atmosfera assorta e piena di mistero, la padrona assente, ma destinata, al suo ritorno, a riempire di semplice gioia e di colori squillanti uno scenario vuoto, ritratto nella sospensione muta dell’attesa. [Fabio Dainotti]

VICENZI.VERNACOLO.jpg

 

LA SEDIA A DONDOLO

Dondola da sola/ cullata dalle fiabe/ cantate dal ruscello/ una sediolina zoppa/ rustica e trascurata/ sola senza la nonna/ che in anticipo sul sole/ è già andata al mercato./Si fa accarezzare/ dai graffi dei rovi/traballa al passaggio dei gatti/è resa appiccicosa dalle api/addolcite dai pruni/che giocano con le lane/invecchiate sui ferri/a far croci sui punti./Aspetta che ritorni/col suo passo lento la padrona/vestita con un grembiule/fiorito come il prato/che posi il cesto di paglia/si tolga scarpe di pezza/e si sieda stanca/col solito sospiro infastidito./Si inclina un pochino/dalla parte più sghemba/quando chiama alle Funzioni/un suono di campane stonate/tutte e due tribolando/sgranano la corona del Rosario/coi fagioli del cesto/
Qualcuno da dietro le dondola.

TERZA CLASSIFICATA

 

 ‘A vesta nova
Sèmpe ‘e partenza. C’ ‘a valigia pronta
Arroto a’ porta. Pronto a me ne ‘j.
Ma nun partètte maje.  Nun so’ turnàto.
Cumme putévo,  benedìtte Dio,
Cunfessà a miézu munno doppo tanto;
doppo c’avévo mìso ‘e manifeste
quanno partètte, ca m’ero sbagliato?
Ca ‘o core è ‘o core, e ‘a casa è ‘a casa. E a terra
addò si nato pesa ‘ncop’ ‘o core
cchiu ‘e duimìla muntàgne e te scamàzza
si tu faje sulo ‘a mossa ‘e te ne j’.
Ca ce vonno raggione eccezziunàle
pe’ lassà ‘o psto addò si nato. E tutte
chelli raggiòne je nun ‘e tenévo.
Nun truvaie ‘o coraggio ‘e turnà arreto.
E tutt’ ‘e ssere cu’ malincunìa
me ne jévo a’ stazionà ‘ncopp’ ‘e trene
ca aspettavano juòrne pe’ parti’.
O’ int’ ‘e ssale d’aspetto addubbechiàte
addò stéveno e stanno chille ca
nun teneno na casa e n’orizzonte.
E annant’ ‘a ll’uocchie me sciuliàva ‘o vico
tutt’ ‘e mmatìne arricreàto pe’
na lenza ‘e sole ca passava ‘e pressa,
ce salutava e se ne jeva.
Addò
Tu, chianu chiane, arrota o’ fenestiéllo
arricamàve nu vestito ‘e tulle
pe’ pare’ cchiù elegante ‘mparaviso.

Paolo Sangiovanni  (Roma)

La sottile vena comica stempera la drammaticità delle situazioni, come è tipico della napoletanità. Anche la lirica ‘A vesta nova di Paolo Sangiovanni non si sottrae a questo assioma e coinvolge l’anima e il cuore con lo splendido effetto fonico del dialetto napoletano e la dolcezza morbida di certe espressioni poetiche particolarmente suggestive: “E annant’ ‘a ll’uocchie me sciuliàva ‘o vico… arricreàto pe’ na lenza ‘e sole”. C’è nei versi una intrinseca musicalità, che cattura e attrae, come in un cerchio magico, chi legge o ascolta. [Maria Olmina D’Arienzo]

 

La veste nuova
Sempre di partenza. Con la valigia pronta\dietro la porta. Pronto ad andarmene.\ ma non partii. Non sono più tornato.\ come potevo, benedetto Dio\confessare a mezzo mondo dopo tanto;\dopo che avevo messo i manifesti\ quando partii, che mi ero sbagliato?\ Che il cuore è il cuore e la casa è la casa. E la terra\ dove si è nati pesa sopra il cuore\ più di duemila montagne e ti schiaccia\ se fai solo il gesto di lasciarla.\ Che occorrono ragioni eccezionali\ per lasciare il posto dove si è nati. E tutte \ quelle ragioni io non ce le avevo.\ Non trovai il coraggio di tornare indietro.\ Ed ogni sera con malinconia\ andavo alla stazione, sopra i treni\ che aspettavano l’alba per partire.\ O nelle sale di attesa insonnolite\ dove stavano e stanno tutti quelli\ che non hanno né casa né orizzonti.\ E davanti agli occhi mi scivolava il vicolo\ ogni mattina rallegrato da\ una striscia di sole che passava rapida,\ ci salutava e se ne andava.\ Dove\ tu lentamente dietro il finestrino\ ricamavi un vestito di tulle\ per apparire più elegante in Paradiso.

 

 

PREMIATI CON TARGA
Antonello Bazzu, Rita Califano, Antonio Covino, Raffaele Galiero, Antonio Giordano, Gennaro Grieco, Carmine Maggio, Gerardo Moscariello, Marisa Santoro.

VERN.TARGHE1.jpg

VERN.TARGHE2.jpg

VERN.TARGHE3.jpg

 

PREMIATI CON MEDAGLIA
Armando Annunziata, Vincenzo Cerasuolo, Rita Coppola Alfano, Daniele De Luca, Massimo De Mellis, Ela Gentile, Daniela Megna, Maria Teresa Merenda, Giovanna Oro, Giovanni Pisapia, Vincenzo Russo, Giuseppe Schepis, Maria Schiavone, Mario Senatore, Loredana Simonetti, Nella Sebastiana Urciullo, Michele Verona.

VERN.MED.jpg

VERN.MED1.jpg

VERN.MED (2).jpg

 

 

 

 

 

 

VERN.MED4.jpg

VERN.MED.5.jpg

sala3.jpg