POESIA IN LINGUA ITALIANA PDF Stampa E-mail

 


PRIMA CLASSIFICATA

 

Scrivimi che stai bene
Lettera
Già sale al borgo antico un’altra luna,
in questa sera dove più non sei.
E’ tanto che ti cerco e aspetto un segno:
pace e perdono più non mi appartengono,
ed è ferita questa che fa male.
Perciò ti prego, Madre
(tu che di noi già sai),
scrivimi che stai bene,
che il filo d’ombra acceso nei tuoi occhi
non era che il riverbero del vespro,
un guizzo breve e innocuo del tramonto.

Scrivi, scrivimi presto:
di te, di pa’, di voi non so più nulla.
Non so se in quell’altrove,
che invera un altro tempo,
gentile c’è chi forte vi sostiene
e lieve vi dà il braccio ed apre porte
a mitigare i transiti segreti.

Nessuno qui più abita le stanze,
la vecchia casa sanguina di assenze,
arresa e muta grida il suo silenzio.
Eppure aspetto trepido, una sera,
dalla finestra aperta la tua voce
cercare il me bambino perso ai giochi,
superbo re dei vicoli e del vento.

Ma intanto che io scrosto palmo a palmo
rubini e stelle ai cieli dell’infanzia,
dal tempo chiaro e indenne in cui tu vivi
prendi una rosa e scrivi,
scrivimi che stai bene.      

 

 Umberto Vicaretti  – Luco dei Marsi (AQ)

Il presente del passato e il presente del futuro sono icasticamente convocati, nella lirica di Umberto Vicaretti, per esorcizzare il senso di vuoto, per risarcire la piaga dell’assenza, che fa sanguinare le vecchie stanze. Lo stile, la musica dei suoi versi sono lo strumento sapientemente utilizzato per dire lo strazio dello sguardo materno e per domandare, nella maniera insistita che la composizione ad anello suggerisce, notizie di un altrove immaginato con tremore e dei suoi transiti segreti. (Fabio Dainotti)

 

 

 

 

SECONDA CLASSIFICATA

 

 

C’è sempre un’ora

C’è sempre un’ora, forse la sua ombra
per il tuo cielo che si scioglie in vento
per le mie mani appese alla finestra.

C’è sempre un’ora, forse l’ho sognata,
che si decanta nella mia bottiglia
alla deriva.
E il mare non ha tempo.

E’ un’ora eterna o un attimo dorato
che sparge occhi sulle mie macerie
e insemina di sole la tua forma.

Un’ora fatta di quaranta carte
spiegate a schiera sul mio tavolino
che ha una gamba zoppa e un chiodo in testa.

Un’ora la mia storia un fante ansante
sul tetto una regina con il cono
e un re con il bastone consumato.

C’è sempre un’ora, forse un grumo d’aria,
che si scolora nei tuoi occhi grigi
e poi ritorna col pennello in mano.

E la mia storia passa.
Tra le dune
solo una palma. La mia ora folle
ha silenziose grida.
La sua eco
s’insabbia e muore sopra il tuo orologio.

 Domenico Luiso - Bitonto (BA)

La lirica si segnala per la musicalità e la fluida cadenza degli endecasillabi, che scandiscono il tempo reale e interiore dell’esperienza esistenziale, resa intensamente e originalmente attraverso accorgimenti formali, stilistici e retorici estremamente sagaci. Le metafore pregnanti e allusive, gli enjambements avvolgenti e opportuni, l’uso dominante dei possessivi, gli ossimori audaci, la presenza di correlativi oggettivi, le impalpabili  e struggenti sensazioni, suggerite dalle sinestesie, significano una tecnica poetica scaltrita ed una notevole capacità di plasmare la parola, per conferirle brividi ed emozioni. (M. Olmina D’Arienzo)

 

 

 

TERZA CLASSIFICATA

 

 

Di un pensiero breve
Prima che il ramo ai tuoi passi traduca
l’età e il sogno, un confine di ulivi stringe
a cerchio le foglie dentro i sassi,
nell’ora lenta che nasconde al cuore
i primi voli dei tordi tra le cime del cielo.
Questo ci basta se la parola tace
lungo il muro di cinta, un filo d’olio
sul pane annerito nella fuga quando
i passi e il grido partiranno dalla soglia
per un palpito acceso nella sera.
Orma piegata ai padri e alle semine antiche
è la nostra, la brocca dentro il pozzo, ancora
tante donne che scendono nel fiume.
Tra una pietra e l’altra il cuore pure
si colora di questo infinito silenzio e strappa
pezzi di cielo dalle maree del  tempo.
Forse c’è tempo di soffiare un’ultima
scintilla se prendo il pane e lo divido
con mia madre, macerata dalla solitudine
profonda di un pensiero che breve
apre le mani ai colori dell’aia.
Si rubano discorsi attorno al fuoco
quando il vino fa amicizia con la sera
mentre pecore a filare fanno ritorno
ai ciottoli del tufo accoccolati dentro il borgo.
Sotto l’ulivo saraceno torna così il sogno
a farsi vivo all’ombra della luna
che come te muta di nuovo nella notte
spingendo il cuore ai margini del cielo.

Benito Galilea - Roma

 

 

 

Le linee, i colori, le figure di una terra e di una civiltà, che, per “soffiare un’ultima scintilla”, reclamano un tempo diverso da quello cronologico, fa rivivere, in una composizione ampia e modulata, Benito Galilea, affidandosi a un linguaggio attento e partecipato, mirabilmente in bilico tra realtà e metafora. (Fabio Dainotti)

 

PREMIATI CON TARGA
Mina Antonelli, Eleonora Baldessari, Vita Linda Barbieri, Giovanni Caso, Carla D'Alessandro, Alfredo Di Marco, Enrico Fagnano, Franco Fiorini, Pietro Olivari, Stefania Piazzolla, Paolo Polvani, Enea Roversi, Mario Stanziano.

 

PREMIATI CON MEDAGLIA
Marilena Abbatepaolo, Luca Amadessi, Giuseppina Amendola, Giulia Anania, Emanuela Antonini, Anna Appolloni, Angela Aprile, Marilia Aricò, Maria Aronica, Giuseppe Attanasio, Giuseppina Attolico, Elisa Bassi, Maria Angela Bedini, Liana Bonuccelli Caputo, Giuseppe Bruno, Raffaele Buompane, Giovanna Businello, Marina Canal, Maria Luisa Caputo, Maria Caravaggio, Luis Cardoso Barreto, Pina Michela Caria, Giovanni Carioti, Rosario Castronuovo, Chiara Celi, Grazia Cerino, Stefano Cervini, Riccardo Cesaroni, Pierrette Cherbonnier, Lucrezia Colacicco, Diego Commendatore, Adriana Comollo, Carmelo Consoli, Cinzia Corneli, Italo Corti, Germano Costa, Mario D'Alise, Maurizio D'Armi, Vincenzo De Crecchio, Daniele De Luca, Mario De Rosa, Silvio Di Fabio, Lucia Di Monaco, Colomba Di Pasquale, Umberto Druschovic, Ivan Fedeli, Annarita Fossa, Emilia Fragomeni, Ela Gentile, Pasquale Giannatempo, Anna Giannattasio, Paolo Giardi, Ostilio Giglio, Marco Gioiella, Armando Giorgi, Emiliano Giubbilini, Umberto Grieco, Antonello Guerrera, Emilia Iannone, Massimo Iride, Riccardo Landozzi, Andrea Lazzara, Costantino Loprete, Jessica Malfatto, Ivana Mantero, Moreno Marani, Nicola Marasciulo, Fulvia Marconi, Margarita, Martina Marotta, Maria e Patrizia Massara, Ermelinda Maturanzio, Emma Mazzuca, Maurizio Meggiorini, Maria Teresa Merenda, Annalisa Michelangeli, Milva Migo, Assunta Mingione, Vincenzo Monopoli, Salvatore Monaco, Carlo Monteleone, Enrica Paola Musio, Alfonso Notte, Carlo Olivari, Maria Rosa Oneto, Angelo Orlando, Maurizio Orsi, Gilberto Palmacci, Salvatore Palmiero, Giovanni Panarese, Gabriele Panfili, Angelo Passarelli, Luca Pellegrino, Stefania Perelli, Giovanni Pisapia, Pinella Pistis, Tanino Platania, Daniela Raimondi, Giancarlo Remorini, Stefania Sabrina Rifici, Marco Righetti, Nicola Rizzi, Luca Romano, Maria Russo Rossi, Antonio Saladino, Antonio Sangervasio, Paolo Sangiovanni, Maria Luigia Scialpi, Teresa Scialpi, Santina Senatore, Graziano Sia, Gennaro Sica, Piera Spiller, Maria Stimpfl, Anna Tafone, Antonietta Tafuri, Paola Tomasiello, Alfredo Torreggiani, Davide Vaccino, Pietro Valle, Gerardo Valvano, Maria Luisa Vanacore, Pasquale Vinciguerra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIA IN VERNACOLO


PRIMA CLASSIFICATA

 

Turno de nòcc ai Uficìne Schwartz de Bérghem
Dialetto bergamasco. Valle Seriana

Sènte i us de la nòcc,
us de la sità
che la se sfant in del fósch;
s-ciopetàde sèche
di ólte,
ö saùr todèsch mecànech
a l’ crida
come l’födèss ö mài che pèsta e che frantòia,
come l’födèss ö  mài che töt a l’trida !

Gh’è di nòcc che la bór ólta e lónga,
di nòcc che la  sapùna surda, la sità,
di nòcc che la martèla
fónda.

Só dét e fò del ciarùr di fùregn,
operare de póca ómbra, visì,
ol nigher dóls di öcc,
ol róss del cör che brüsa,
ol zald saùr metàl
chè cùla
e ‘ngrìsa.

Töt ol rèst
l’è fonderéa e fortüna.

Töt ol rèst
l’è ö blö
piö fórt
che l’sùna.

 Maurizio Noris - Albino (BG)

 

Turno di notte alle Officine Schwartz di  Bergamo
Sento le voci della notte / voci della città / che si disperde nel buio; schioppettate secche / a volte, un sapore tedesco meccanico / grida, come fosse un maglio che pesta e che frantuma, come fosse un maglio che tutto trita. Ci sono notti che abbaia alta e lunga, notti che piccona sorda, la città, notti che martella / fonda. Sono dentro e fuori del chiarore dei forni, operaio di poca ombra, vicino, il nero dolce degli occhi, il rosso del cuore che brucia, e il giallo sapore metallo/ che cola  e ingrigisce.Tutto il resto è fonderia e fortuna. Tutto il resto è un blu / più forte / che suona.

 

Risolve il dato di partenza ( la vita dell’operaio del turno di notte, tra il chiarore degli altiforni e i rumori della città fasciati di buio) in un intenso contrasto cromatico Maurizio Noris, che s’inserisce in maniera innovativa nel filone del rapporto tra letteratura e industria, raggiungendo altissimi esiti espressivi.(Fabio Dainotti)

 

 

 

 

SECONDA CLASSIFICATA

 

 

’A case  ’i tataranne

(a Nicola Oronzo Accattato, che pure ce li ha avuti i tataranni)

’U suttàne,
pe’ llu’ ciucce e la crape,
cke stavìne sciurtàte du’ furne, da’ cataste di’ uinne
e da’ vuttecèlle du’ vine.
’A scàue da fore
- p’acchianà ‘ntu suprane –
cu’ lla rulle du purcke e di’ galline
‘ntu vacante.
’U supràne, 
granne quant’u’ suttàne:
’na buffette, ’na credenze,
’u vaci’ue e llu pede,
trije o quatte uitte e llu’ fucuàre,
n’ùmmene stancke,
’na fimmene ck’all’u putì ghiesse,
e ’na juccàte ’i figlie.
’Ntu vacante ce stavìne ’a prijezze
e llu bbène cke se vu’uìne,
’a miseria nòbbue, arriccùte  du’ timore ’i Dio,
’a cuppue sudate appese ’nu chiuve,
’a uangelle cke pennìde du’ frufuate,
’u sunne,
cke pegliàvede parlanne parlanne.
’Nu suttàne, ’nu supràne e la scaue da fore:
accussì jèrede  ’a case  ’i tatarànne mije,
e quanne ’u purtille rumanìde apirte
alla mute alla mute
se ce ‘nzaccàvede pure ’a u’une,
e ce capìde.
Da fore, ’ntu uàreghe du’ strittue,
cane e gatte vurde
s’arragàvene  pe’ ’nu stuzze
’i pane tuste!

Giuseppe Muscetta - Oriolo (CS)

La casa di mio nonno
Il piano di sotto,/ per l’asino e la capra,/ che stavano separati dal forno, dalla catasta della legna/ e dalla botte del vino./ La scala esterna/- per salire al piano di sopra -/ col ricovero del maiale e  delle galline/ nel vuoto (della scala)./ Un piano di sopra,/ grande quanto quello di sotto:/ un tavolo piccolo, una credenza,/ la bacinella ed il piede,/ tre o quattro letti ed il caminetto,/ un uomo stanco,/ una donna che non lo poteva essere,/ e una nidiata di figli./ Nei ristretti spazi liberi ci stavano l’allegria/ ed il bene che si volevano,/ la miseria fiera, arricchita dal timore di Dio,/ la coppola sudata appesa al chiodo,/ una brocca che pendeva dal ferro filato,/ il sonno,/ che pigliava parlando parlando./ Un piano di sotto, un piano di sopra e la scala esterna:/ così era la casa di tataranne mije,/ e quando il portello rimaneva aperto/ in silenzio, senza far rumore,/ ci si infilava pure la luna,/ e ci stava pure lei./  Fuori, nello slargo del vicolo,/ cani e gatti sazi/ si scannavano per un pezzo/ di pane duro! 

 

Vive in questa poesia un respiro lieve ma denso e tutto si palpa: la semplicità, gli affetti, il senso d’appartenenza, il tepore di quella coppola sudata di fatica appesa al chiodo, il riflesso della luna che pure s’intrufola attraverso il portello. Ogni cosa trova il suo posto nella casa di tataranne, che non può nemmeno essere disordinata, tanto è piccola e povera. Ma soprattutto, in un gioco di equilibrio tra metrica e concetti, trovano posto in questo luogo il cuore e la dignità. E’, la casa stessa, un cuore. ‘A case ‘i tataranne’ . Il dono di un affresco essenziale, efficace, generoso.(Norma D’Alessio)

 

 

 

TERZA CLASSIFICATA

 

 

Sdilliriannu

Dialetto della Sicilia Nord-Orientale (area etnea)

Lassàtimi ‘intra lu me’ palluni
ùnchiu di strammarìi  
ca sbanìanu
fàvuli strippi senza sintimentu.
Non gnittàtimi fora   
picchì lu munnu         
ièvi ‘na rosa bedda ‘mmilinata          
ca’’ntrubbulia la vista ppi mucciari
gnaccoli d’azzaru
parati pari-pari
ppi li  babbasunazzi commu a mia.
Lassàtimi dintra ‘sta buscica
ghina di sulità,
mentri mi cardaciu e cercu
ddu ‘ranni Diu           
ca dìciunu      
‘pparau l’omu c’un pugnu di crita.
E vàiu sdillìriannu     
‘ntra li santi mistèrii   
cummigghiatu
d’un fittu macchiarizzu
ca non parra e non brùcia.
Lassàtimi sbulari
‘ntra li vacanti di lu frimmamentu
ccu tutta para la me’ pisantizza         
‘nnacatu di li lustri di li stiddi         
senza sapiri
picchì tuttu furria e non si ‘nfrunta
e ppi quali raggiuni un lammicheddu
sbrizza a sbrizza         
cunta li iorna  
e a la ‘ntrasarta stàgghia.
Lassàtimi ‘lludutu
Intra ‘sta mpudda d’aria
c’amurusa m’allìscia e mi strania.
Chi vuliti di mia?       
‘Rrancu ‘ppressu a la vita
ccu  la gnuranza ca mi cuttunia
e ammàgghia li pinseri…
Ma menu mali ca la fantasia
mi nutrica di sònnira
e ccu ciatu di matri  mi riùnca.

Senzio Mazza - Scandicci (FI)

 

DELIRANDO
Lasciatemi dentro il mio pallone gonfio di stranezze che agitano favole sterili senza sentimento. Non buttatemi fuori perché il mondo è una bella rosa avvelenata che intorbida la vista per nascondere tagliole d’acciaio disposte a tappeto per i babbei come me. Lasciatemi dentro questa vescica piena di solitudine, mentre mi assillo e cerco quel Dio grande che dicono plasmò l’uomo con un pugno di creta. E vado delirando tra i santi misteri ricoperto da un fitto roveto che non parla e non arde. Lasciatemi volare nei vuoti del firmamento con tutta quanta la mia pesantezza cullato dalle luci delle stelle senza sapere perchè tutto ruota e non si scontra e per quale motivo un alambicco goccia a goccia conta i giorni e all’improvviso staglia. Lasciatemi illuso in questa bolla d’aria che amorosa mi lusinga e mi distrae. Che volete da me?Arranco dietro la vita con l’ignoranza che mi tormenta e appassisce i pensieri….Ma meno male che la fantasia mi nutre di sogni e con fiato materno mi rigenera.

 

 

 

Il difficile rapporto del poeta col mondo, la ricerca drammatica di Dio, il desiderio spasmodico di conoscere il perché delle cose e dell’universo, l’arrancare dietro la vita con tormento e passione sono i temi di questa splendida lirica in dialetto della Sicilia nord- orientale. La richiesta martellante, sottolineata dall’anafora all’inizio di ciascuna strofa, di essere lasciato libero di vivere dentro un mondo assimilato ad un pallone gonfio di stranezze o ad una vescica di solitudine o ad una bolla d’aria, in un rapporto di amore- odio quanto mai incisivo e penetrante, si stempera e risolve nella dimensione poetica e fantastica, che si nutre di sogni e con fiato materno rigenera. (M. Olmina D’Arienzo)

 

 

PREMIATI CON TARGA
Antonio Covino, Gabriella Maddalena Macidi, Marco Managò, Daniela Megna, Carmela Orefice, Francesco Palermo, Giuseppe Romano, Marisa Santoro, Vinia Tanchis.

 

 

 

 

 

 

 

PREMIATI CON MEDAGLIA
Armando Annunziata, Giuseppe Bellanca, Vincenzo Cerasuolo, Mariangela Chiesa Cantarelli, Ettore Cicoira, Rita Coppola Alfano, Massimo De Mellis, Giuseppe Descloux, Luigi di Prisco, Antonio Giordano, Vincenzo Montagna, Antonio Scarpone, Giuseppe Schepis, Maria Schiavone, Stefano Stifani.