POESIA IN VERNACOLO PDF Stampa E-mail

 


PRIMA CLASSIFICATA

 

 

L’asino che voleva la penzione

Annava mesto l’asino ar macello
sapeva che oramai era condannato;
dòppo ‘na vita de fatiche, quello
è er premio che gli avevano assegnato.

“Che vita che ho menato, che fardello...
arméno se me fossi ribellato;
me lo diceva er povero vitello
che pure a me m’avrebbero scannato.

Pensavo a una penzione dignitosa
‘na brucatina ar sole, un po’ de biada,
‘na stalla calda e poco rumorosa.

Ma la pietà fra l’ommini è assai rada;
so’ bestie dalla vita dispendiosa,
nun s’accontentan mai, comunque vada...”

Michele Verona – Pietrasanta (LU)

L’asino che voleva la pensione

Andava mesto l’asino al macello
sapeva che oramai era condannato;
dopo una vita di fatiche, quello
è il premio che gli avevano assegnato.

“Che vita che ho menato, che fardello...
almeno se mi fossi ribellato;
me lo diceva il povero vitello
che anche a me m’avrebbero scannato.

Pensavo a una pensione dignitosa
una brucatina al sole, un po’ di biada,
una stalla calda e poco rumorosa.

Ma la pietà fra gli uomini è assai rada;
sono bestie dalla vita dispendiosa,
non si accontentan mai, comunque vada...”

 

Presta mirabilmente voce alla mentalità sociale delle classi lavoratrici, la cui aspettativa, il miraggio di una pensione dignitosa dopo una vita di sacrifici, è mirabilmente simboleggiata da “un po’di biada, da una stalla calda e poco rumorosa,” l’autore di questa poesia in dialetto romanesco.
Nello spazio breve e compatto del sonetto, Michele Verona fa emergere la sua abilità di verseggiatore e la conoscenza dello statuto della favola in versi, che prevede il largo impiego di maschere fisse, personificate da animali parlanti.
Fabio Dainotti

SECONDA CLASSIFICATA

 

 


Chiuvìa.
Lu nasu mpiccicàtu nta finesra
l’ acqua sciddicava supra lu  vitru
cummigghiànnu  lu mè chiantu.
Aspittava nta lu scuru
la lampuzza di la tò bicicletta,
ali nte pedi pi cunsignari littri.
Currennu
scampaniàvi di ddassutta.
Unu,  dui colpi all’ iniziu di la strata,
scurusa,
liscia comu na balata.
Dunni sì ora, Pà,
ca nun ti vidu chiù?
Lu trenu t’ arrubbava a la famigghia.
Quantu uri di sonnu pirdisti
pi ghiri  a travagghiari!
Jàvamu a fari la spisa.
Era na festa.
La mè manuzza nta la tua,
mi sintìa patruni di lu munnu.
Quannu mi chiamavi,
cuntentu,
ddi paroli m’ abbastavanu
tutta la jurnata.
Finu a quannu, tinennuti la  manu, 
silinziusu mi passasti li cunsigni.
Nto ‘n lampu 
persi tuttu lu munnu.
Dunni sì ora, Pà,
ca nun ti vidu chiù?

Giorgio Li Vigni – Villa Vicentina (UD)

PAPA’
Pioveva.
Il naso appiccicato alla finestra
l’ acqua scivolava sul vetro
coprendomi il pianto.
Aspettavo nel buio
la lampadina della bicicletta
ali ai tuoi piedi per consegnare lettere.
Correndo
suonavi da lì sotto.
Uno, due  colpi  all’ inizio della strada
Buia
liscia come una lastra di marmo.
Dove sei ora papà
che non ti vedo più?
Il treno ti rubava  alla famiglia
Quante ore di sonno  hai perso
per andare a lavorare!
Andavamo a far la spesa.
Era una festa.
La mia manina nella tua
mi sentivo padrone del mondo.
Quando mi chiamavi,
contento,
quelle  parole mi bastavano
per tutta la giornata.
Fino a quando, tenendoti la mano
mi hai passato in silenzio le consegne.
In un lampo
ho perso tutto il mondo.
Dove sei ora papà
che non ti vedo più?

 

 

 

La figura del padre scomparso, evocata, nel testo di Giorgio Livigni, da sensazioni tattili, sonore e visive, è fissata in pochi gesti elementari, ma tali da riassumere il significato di un’intera vita, la cui precarietà bene è rappresentata, nella prima strofa, dal suggestivo chiaroscuro della “lampuzza”, la lampadina della bicicletta, esistenzialisticamente circondata dallo “scuro “degli interni (la stanza solitaria, dove il bambino attende nella sera piovosa) e degli esterni (la strada dove si compie l’umile fatica quotidiana del lavoro del padre portalettere); e, nell’ultima, dal silenzioso passaggio di consegne, dal lascito morale che si esprime senza parole,  semplicemente “tenendosi per mano”.
Fabio Dainotti

 

 

TERZA CLASSIFICATA

 

 

’A  TERRA  MEJE, ’U  PAISE  MIJE

A ttije, ca vìnise da uentàne,
an c’è besùgne cke te dicke
addù jà scenne.
Quanne védise ca ci-ue, terre e mare
se ckegnùngene,
e te pàrede ca po’ tuccà ’a uune cu’ ’nu jìdite,
tanne po’ dice
cke jà ‘rrevate ’nta terra meje.
Quanne védise
’i nuuve da uentane cke se cùrrene apprisse 
e lu soue ck’an tene presse ’i se jì a cuccà
pe’sinte ’u Pataterne cke fade i cumizzie
e pe’ bìde i ciauve e l’àrevere
cke ne sbattene i mane,
tanne po’ dice
cke jà ’rrevate  ’nta terra meje.
E pu’,
quanne védise crestiane rassegnate,
ck’i ténene i  diserdérie
ma s’accuntèntene,
ed’ene perse ’a voglie ’i rire
e de sta’ cuttùne.
Quanne védise vìcchje cke su’ sue
ad’aspettà ’a morte  ’nnant’a porte,
e li voce cke pàrlene
t’arrìvene da uentàne,
tanne te po’ fermà:
ejà  ’rrevate ’ntu paise mije!
Se vo’ scenne, scénnese.
Se no, vatìnne ancun’at’abbànne!

Giuseppe Muscetta - Oriolo (CS)

LA TERRA MIA, IL PAESE MIO

A te, che vieni da lontano,
non c’è bisogno che ti dica
dove devi scendere.
Quando vedi che cielo, terra e mare
si congiungono,
e ti sembra di poter toccare la luna con un dito,
allora puoi dire
che sei arrivato nella terra mia.
Quando vedi 
le nuvole da lontano che si rincorrono
e il sole che non ha fretta di andare a dormire
per sentire il Padreterno che fa i comizi
e guardare le taccole e gli alberi
che Gli sbattono le mani,
allora puoi dire che sei arrivato
nella terra mia.
E poi,
quando vedi gente rassegnata,
che ce li ha i sogni
ma si accontenta,
che ha perso la voglia di sorridere
e di stare insieme.
Quando vedi i vecchi che sono soli
ad aspettare la morte davanti la porta,
e le voci che  parlano
ti arrivano dal passato,
allora ti puoi fermare:
se arrivato nel paese mio.
Se vuoi scendere, scendi.
Se no, vai da qualche altra parte!

 

 

 

 

Forma e contenuto trovano in questa lirica una straordinaria sintesi: il dialetto si attaglia e aderisce perfettamente all’invito rivolto al lettore di fermarsi in quel luogo reale e interiore, che è per il poeta la terra dei padri e delle proprie radici.
L’allusività lessicale e la suggestione fonica sono parte integrante ed elemento emblematico connotativo del paesaggio naturale e di quello antropico, immersi in una dimensione oscillante tra reale e fantastico, per ciò stesso ammiccante ed anche estremamente lucida e veritiera. Lo rivelano chiaramente i due versi finali costruiti sull’accorgimento tecnico dell’inaspettato e della sorpresa.
Maria Olmina D’Arienzo

 

 

 

PREMIATI CON TARGA

 Antonello Bazzu,  Rita Califano, Emilia Fragomeni , Carmine Maggio, Ottavio Marandino, Giovanna Oro, Paolo Sangiovanni, Vittorio Santangelo, Antonio Scarpone, Mario Senatore, Mario Sodano.

PREMIATI CON MEDAGLIA
Angelo Adinolfi, Armando Annunziata, Vincenzo Cerasuolo, Mariangela Chiesa Cantarelli, Rita Coppola Alfano, Paolo Cufino, Mario De Rosa, Giuseppe Descloux,, Roberto Doria, Carmela Gennuso, Maria Natalia Iiriti, Vincenzo Iodice, Emilia Merenda, Maria Merenda, Maddalena Negri, Angelo Passarelli, Mario Profenna, Vincenzo Russo, Giuseppe Schepis, Maria Rosaria Sorrentini, Carlo Vitaliano.