POESIE IN VERNACOLO PDF Stampa E-mail

POESIA IN VERNACOLO REGIONALE
Prima classificata
TRAZHE
(dialetto Veneto dell’Opitergino-Mottense in provincia di Treviso)
Calcòssa. Come un muzhigòt
de zhigareta schinzhà
te un portaciche bianco,
te l’unico tavoìn libero,
fora da un cafè: el fil
de fun che ‘ncora se lèva,
sora el filtro macià de rosseto.
 
O un sbrodegòt de zhiéra zà dura
zo daa pinzheta, te ‘na cesa vòda,
‘na sera. Intant che do posti pì in là
mèdha candéa ‘ncora ‘a continua
el ciaro dea so preghiera.
 
Opura ‘a zhàpega de ‘na scarpa
che par dispèt, par zogo, o par
‘na perdita de caìbrio, un sburtòn,
par senpre ‘a resterà fonda
te ‘na getada de cimento.
 
PRESENZE.    E za distanze.
 
Trazhe che calcùn
el ‘assa là, e che a noantri
ne fa pensàr, imajinar:
un viso; ‘na storia diversa
daa nostra epura cussì diversamente
conpagna. El fato de ‘rivàr un fià
dopo, el fato che calcùn’altro
el’ rivarà un fià dopo de noantri
provando a pensàr chi che se jera.
 
Fabio Franzin – Motta di Livenza (TV)

TRACCE
Qualcosa. Come un mozzicone / di sigaretta schiacciato / in un posacenere bianco, / nell’unico tavolino libero, / fuori da un caffè: il filo / di fumo che ancora si libra, / oltre il filtro macchiato di rossetto. // O una colatura di cera rappresa / dalla molletta al vassoio votivo, in una chiesa deserta, / una sera. Mentre due spazi oltre / un moccolo ancora trema / la fiammella di una sua preghiera. // Oppure l’impronta d’una scarpa / che per un dispetto, una burla, o per / una perdita d’equilibrio, uno spintone, / per sempre rimarrà impressa / in una gettata di cemento. // PRESENZE.  E già distanze. // Tracce che qualcuno / deposita lì, e che ci / intrappolano il pensiero, che ci fanno immaginare: / un viso; un destino diverso / dal nostro eppure così diversamente / simile. Il fatto di giungere lì con un attimo / di ritardo, il fatto che qualcun altro / giungerà con un attimo di ritardo dopo di noi / tentando di immaginare chi eravamo.

Chi osserva nel testo le “tracce che qualcuno / deposita”  parte dalla constatazione  di un rapporto di causa ed effetto tra oggetti (la macchia di rossetto su un mozzicone di sigaretta, una colatura di cera e una candela accesa in una chiesa vuota, un’impronta di scarpa)  e possibili eventi. E’ proprio l’inattualità di tale rapporto, non immediato per natura,  che fa scattare l’immaginazione del poeta, portato in tal modo a interrogarsi  sull’identità di chi tali orme ha lasciato, “a immaginare un viso, una storia diversa dalla nostra  eppure così diversamente compagna”; ma anche chi segue, come il poeta  e noi con lui, queste presenze distanti, lascia a sua volta dei segni involontari, che faranno sognare altri, anch’essi a loro volta destinati ad arrivare “con un attimo di ritardo”. Le tracce del titolo diventano così catacresi della comunicazione e  dell’investigazione umane, in grado di dar conto del passaggio, altrimenti ignorato e silenzioso, di intere generazioni di persone, che si succedono sulla Terra, col loro carico prezioso di gioie e sofferenze.

Seconda classificata
Domo derrutta
  Domo cara ‘e sa pitzinnía
fraigad’in logu soliánu,
un’ozastru ti faghiat umbra
in sas caldanas de su sol’‘e triulas.
In sa corte, inserrados
dae s’amor’‘e su ‘ighinadu,
nois pitzinnos, chimeras pessighende,
curriamus gioghende
incontr’a sa vida.
A sa falada ‘e su sole
sas ischintiddas de su fog’alluttu
fin anghelos chi pesaían
a chelu innotzentes isperas.
Cantu nd’as bidu caddos a sa loriga
e istranzos pasende!
Drommían sa notte in s’oru ‘e su foghile
pro si pesare lestros e partire
s’incras a manzanile.
Deo sonniende l’intregaía su coro
sighende sos caddos
fintzas chi s’oju podiat.
Cantu nd’as costoidu
amorosos suspiros
de isposas galu pitzinnas
pois tichirrios de gosu e dolore
de partorzas onz’annu
a nos furare carignos!
Cantu nd’as intesu de anninnías
e accorados attítidos
pro fizos furados in presse
dae su fadu a sa vida!
E custu furru, giá nd’at cottu pagu
de pane saboridu,
impastadu de fadiga
e cun pelèas salidu!
Fuidu si ch’est su tempus,
como derrutt’e ismentigada,
pagas frascas a cobertura,
ses diventada sa domo ‘e sas puddas.
  Antonello Bazzu - Sassari
 

Casa diroccata
 
Casa cara della mia infanzia
costruita in luogo soleggiato,
un olivastro ti faceva ombra
nelle caldane di luglio.
Rinchiusi nel cortile 
dall’amore dei vicini
noi ragazzi, inseguendo chimere,
correvamo giocando
incontro alla vita.
Al calar del sole,
le faville del fuoco vivo
erano angeli che portavano
in cielo ingenue speranze.
Quanti ne hai visto cavalli all’anello
ed ospiti riposando!
Dormivano accanto al focolare
per essere pronti e partire
all’alba l’indomani.
Io sognando gli affidavo il cuore
seguendo i cavalli
finché l’occhio poteva.
Quanti ne hai custodito
d’amorosi sospiri
di spose ancora bambine
poi grida di gioia e dolore
di puerpere ogn’anno
a rubarci carezze!
Quante ne hai sentite di ninnananne
e accorati lamenti funebri
per figli rapiti troppo in fretta
dal destino alla vita!
E questo forno quanto ne ha cotto
di pane saporito,
impastato di fatica
e salato con sofferenze!
Sono fuggiti gli anni,
ora diroccata e dimenticata,
poche frasche per tetto,
sei diventata casa di galline.
 

Il legame amoroso con la casa della propria infanzia induce il poeta a rappresentarla come una persona cara, passata attraverso le pieghe di un’intera vita fino alla vecchiaia. Ecco sfilare, perciò, alcune delle esperienze più significative: lo stare sotto il sole di luglio o all’ombra dell’olivastro, le faville che schizzavano dal focolare, i cavalli all’anello, il riposo degli ospiti, sospiri amorosi di spose e grida di puerpere, ninnananne, lamenti funebri, il forno e il pane saporito; ed infine, diroccata, casa di galline. In tutto questo l’autore ha saputo infondere un respiro di umanità, che probabilmente trapela anche dalla musica dei versi, anche se il lettore non sardo riesce a percepire solo il parte.

Terza classificata

E purtune ’e  na vòta
 
Addò stanno cchiù ’e purtun”e na vòta:
trasìve pe’ t’arreparà quanno chiuveva
o pe’ scagnà nu vaso c”a guagliona.
Maje ca nu guardapòrte jeva ’nfrèva !
 
Trasìve annascuso dint”a nu palazzo
cercanno ’e nun te fa vedè d”o guardapòrte:
ma si isso te vedeva....che imbarazzo....
po’ scuorno i’ jastemmav”a malasciorta !
 
Tànno, n’ammore cu na guagliona,
primma ca dint”a chiesa, ’o cunsacrava,
sott”a nu purtune, sulo nu vaso:
n’abbraccio e na carezza....e ’nce abbastava !
 
’A guagliona se stèva, te venev”appriesso.
Sapèva ca lle dive nu vaso....e niente cchiù.
Te pareva ’e tuccà cu ’e mmane ’o Paraviso:
chist’ era ll’ammore nuosto ’a giuventù !
 
Mo ’e purtune stanno sempe ’nzerrate,
pecchè....sòngo ’e metallo anodizzato:
me pàrene cancielle ’e carcerate.
E guàrdaporte nun ce stanno cchiù !
 
Viecchie purtune, quanta nustalgia....
N’hanno visto ammore nascere cu nu vaso !
E guagliun”e mo, ’o ffanno ’mmiez”a via:
’a ggente passa....e manco nce fa caso !
 
Sò cagnat’e purtune....è cagnato ll’ammore....
penzann”o passato....me se stregn’ ’o core !
  Vittorio Santangelo  

I portoni di una volta
  Che fine hanno fatto i portoni di una volta:
entravi per ripararti quando pioveva
o per scambiare un bacio con la ragazza.
Mai che il portiere si arrabbiasse.
  Entravi di nascosto nel palazzo,
cercando di non farti vedere:
ma se venivi scoperto, che imbarazzo!
Per la vergogna, si imprecava la malasorte.
  A quei tempi,l’amore con una ragazza,
prima ancora che nella Chiesa,veniva consacrato
sotto l’androne di un palazzo solo con un bacio:
un abbraccio e una carezza e ciò bastava.
  La ragazza ci stava, ti seguiva,
sapeva che le avresti dato un bacio…senza pretendere altro.
Ti sembrava di toccare con le mani il Paradiso:
così era l’amore nostro in gioventù.
  Ora i portoni sono sempre chiusi,
sono di metallo anodizzato.
Sembrano cancelli di un carcere.
I portieri non ci sono più.
  Vecchi portoni,quanta nostalgia…
Ne hanno visti amori nascere con un bacio!
I ragazzi d’oggi lo fanno per strada:
la gente passa e nemmeno ci fa caso!
  Sono cambiati i portoni…è cambiato l’amore…
pensando al passato, mi si stringe il cuore.

La lirica s’incentra tutta sul ricordo e la nostalgia dei portoni custodi degli amori d’una volta, in un gioco di suoni e profumi di momenti felici, quando era sufficiente un bacio per consacrare l’amore e vivere momenti di serena ed innocente intimità. Il rammarico per i mutamenti dovuti all’incalzare del tempo, come la figura del guardaporta ormai scomparsa e soppiantata da un portone anodizzato o il diverso rapportarsi dei giovani all’amore, viene raccontato in una modalità fatta di suggestioni nostalgiche.
Il verso si adegua al sentimento che lo pervade, si regge su efficaci assonanze foniche, si estrinseca in un lessico semplice ed appropriato, si dispiega in un ritmo pacato e gradevole.
La lirica, pur  risolvendosi in una riflessione personale sui cambiamenti nelle abitudini esistenziali, s’inquadra in una dimensione più ampia, che ciascun lettore può fare propria e, come il poeta, lasciarsi coinvolgere dall’incanto dell’amore e del tempo che fu.

Premiati con targa
Maria Attanasio, Jole Cantobelli, Vincenzo Cerasuolo, Eduardo De Biase, Armando De Marino, Ileana Lombardo Caminiti, Sebastiano Maccarrone, Giuseppe Muscetta, Elia Nese, Vincenzo Russo, Marisa Santoro, Francesco Senatore.


vernacolo.targa1.jpg (384322 byte)

vernacolo.targa2.jpg (438500 byte)

vernacolo.targa3.jpg (402333 byte)

vernacolo.targa4.jpg (405616 byte)

 

 

 

 

 

Premiati con medaglia
Giuseppe Attanasio, Gemma Bertoncin, Alessandro Ciampa, Ettore Cicoira, Rita Coppola Alfano, Giuseppe Descloux, Patrizia Di Martino, Stefania Esti, Luigi Fontana, Ela Gentile, Romina Gentilucci, Concetta Maini, Gaetano Montuori, Nunziante Navarra, Giovanni Noto, Angelo Passarelli, Vincenzo Russo, Antonio Scarpone, Giuseppe Schepis, Maria Schiavone, Mario Sodano, Giuseppe Sorrentini.


vernacolo.medaglia2.jpg (405541 byte)

vernacolo.medaglia3.jpg (407085 byte)

vernacolo.medaglia4.jpg (410885 byte)

vernacolo.medaglia5.jpg (387315 byte)

vernacolo.medaglia6.jpg (388877 byte)

vernacolo.medaglia7.jpg (398790 byte)