POESIA IN VERNACOLO REGIONALE Stampa

PRIMA CLASSIFICATA

 

EGGIA PENZA’
     (al mio amico, il dott. Antonio Grosso)

Eggia penza’, eggia penza’ pe’ fforze
ch’a quell’atu uate ‘i ‘sti tempùne c’è ‘llu munne
adduve i crestiane mùrene e nàscene,
ed’an ce su’ su’ue purte cke se chiùdene
e strittue ck’anne pàrlene.
Eggia penza’. Eggia penza’ pe’ fforze
ch’ancuna bbanne,
addùve anne vòuene su’ue passarìlle,
s’aspèttene i vejìuje
e c’ede ‘a prejìzze du jurne ‘i feste.
Eggia penza’, se no ‘mpaccìscke,
ca c’è llu poste addùve ll’ùmmene
pàrlene e se cumpòrtene da gùmmene,
ed’an se prèghede su’ue pe’ lla pagùre ‘i maue campa’.
Se no, a ch’è serevùte ch’u rizze
c’è guassàte i pinne mminz’a strate
pe’ ghjì’a bbide cke cc’erede
a quell’atu uate du canaue?
Eggia penza’, eggia penza’,
e me ce ggia mitte  tante curùse
‘nfigne a ck’i pensìre cu’ llu rumore
l’ena squarta’ stu ci’ue arramàte, l’ena pertusa’,
ed’ena fà sfuazzeca’ speranze e vvegurije.
Se no ‘nti paise nuste,
ammucciàte ‘ntu core d’a muntagne,
addùve ancore se sìntine  ‘i suna’  i campane,
an putìme cuntinuà a campa’
su’ue p’accumpagna’  funuràue,
e pe’ penza’ ca craje o pescraje
pod’attucca’ pur’a nnuje.

Giuseppe  Muscetta  - Oriolo (Cosenza)

 

 

DEVO PENSARE - Devo pensare, devo per forza pensare/ che oltre queste colline/ c’è il mondo/ dove le persone muoiono e nascono,/ e non ci sono solo porte che si chiudono/ e vicoli rimasti senza parole./ Devo pensare,/  devo pensare per forza/ che da qualche parte,/ dove non volano solo passeri,/ si aspettano le vigilie/ e si gode la gioia del giorno di festa./ Devo pensare, altrimenti impazzisco,/ che c’è il posto dove gli uomini/ parlano ed agiscono da uomini/ e non si prega solo/ per  paura di vivere male./ Se no, a ch’è servito che il riccio/ ci ha lasciato gli aculei in mezzo alla strada/ per andare a vedere cosa ci fosse/ dall’altra parte della fiumara?/ Devo pensare, devo pensare/ così intensamente/ fino a che i pensieri col loro rumore/ devono squartare questo cielo di rame,/ lo devono bucare,/ fino a far fioccare speranze e vigorie./ Altrimenti nei nostri paesi,/ nascosti nel cuore della montagna,/ dove ancora si odono  suonare le campane,/ dobbiamo continuare a vivere/ solo per accompagnare funerali,/ e per pensare che domani o dopodomani/ potrebbe toccare pure a noi!
PRECISAZIONE DELL’AUTORE: La poesia è stata concepita in dialetto. La traduzione in italiano è strettamente e rigorosamente letterale.

L’anafora, complicata dalla geminazione intensiva, è lo stilema caratteristico di questa lirica, che è insieme tristezza e speranza, grido di denuncia e fede nella possibilità di cambiamento e di riscatto di una terra troppo a lungo rimasta chiusa e isolata nel suo tormento e nelle sue ataviche ferite, ma fortemente amata e appassionatamente radicata nell’intimità più profonda di sé e del proprio essere ed esistere. Attraverso la tecnica poetica, l’intenso pathos diventa straordinariamente logos, pensiero, capace di squarta’ e pertusa’ il cielo di rame, per trovare un varco e penetrare in una dimensione, dove gli uomini possono “parlare ed agire da uomini”, senza paura e senza vana, inutile rassegnazione. [Maria Olmina D’Arienzo]

 

SECONDA CLASSIFICATA

La fréva cundinue accire l’òmene

So venute a la luce ndò la Terre
re la luce: acchessì glie ùmene šchétte
re la notte r’i tiémbe
ca zumbàvene sóp’a i spundune arse
re nu mare a lu Tirréne a strapiombe
chiamàvene quìre luóche ch’a oriènde
racive aglie uócchie i prime chiaróre
e aprive ngape lu ciéle  –
na crerènze fatua quére r’i vuósche,
ndése ca nunn’ére sóle re la Lucanije
                                                      tanne
la sorte re lu mande umbruse
                                      e sènza varche
re glie àrbere tutt’accustate.

Iére re febbraie e ng’ére la néve
                                        ch’aquijetave,
ch’apparave i suspire prime angóre
r’i lìmete sóp’a re ccase.
Ma la lonne ndaccave chiare e tonne
ndra i capidde nìh*ure re mamme
ca pròbbije quìre iuórne facive
vendeséie anne, lambesciave
sóp’a i riénde miése a lanure
                                           ra attàneme
pe la prima vóte attane. P’i mure,
e angóre cchiù sóp’a la làmmije,
ng’èrene h*rellande e stèlle luciénde,
acchessì vulènne, pe usanza andìche,
scacciàreme ra la prima viste
ogne penziére re puvertà. Iére  – e iè –
quèste la paure re la ggènta mìje:
                                             la mesèrije.
«La fréva cundinue»  – ca iè la fame –
«accire l’òmene», angóre ósce rìcene.

Re sti natale, manghe a ddirle,
aggia purtà sémbe tutte l’orgoglie.

Gennaro Grieco - Trana (Torino)

La febbre continua uccide l’uomo - Venni alla luce nella Terra/ della luce: così/ gli uomini semplici/ della notte dei tempi/ che saltellavano sui riarsi scogli/ di una marina al Tirreno scoscesa/ chiamavano quel luogo che ad oriente/ dava agli occhi i primi bagliori/ e apriva alla volta del cielo – una fatua credenza quella dei boschi,/ dacché non della sola Lucania era/ a quel tempo/ prerogativa il manto ombroso/ e impenetrabile/ degli alberi in fitta schiera./Era di febbraio e c’era la neve/ che portava quiete,/ che pareggiava i sospiri prima ancora/ dei profili sopra le case./ Ma il riverbero scolpiva chiare onde/ fra i capelli brunicci di mia madre/ che proprio quel giorno compiva/ ventisei anni, accendeva lampi/ sui denti messi a nudo/ da mio padre/ per la prima volta padre. Per le pareti,/ e ancora più sul cielo della stanza,/
c’erano festoni e stelle lucenti,/ con ciò volendo, per antica usanza,/ scacciare dal mio primo sguardo/ ogni ipotesi di povertà. Era  – ed è – questa la paura della mia gente:/ la miseria./ «La febbre continua»  – cioè la fame –/ «uccide l’uomo», ancora oggi dicono./ Di tali natali, nemmeno a dirlo,/ porterò sempre orgoglio pieno.

Dialetto lucano (Rionero in Vúlture, PZ) – Avvertenza: la vocale “e”, se non è accentata, è sempre muta, ad eccezione di quando funge da congiunzione.

Lirica intensa per le emozioni di cui è permeata, per il contenuto fortemente struggente, per la pregnanza del dialetto. Il recupero memoriale, che non indulge a sbavature di facili sentimentalismi, ma risulta rigorosamente netto e lineare nell’andamento poetico e insieme narrativo, proprio per questo è incisivo e capace di scavare profondamente nelle pieghe più riposte dell’io. Il risultato è sicuramente interessante e suggestivo. [Maria Olmina D’Arienzo]

 

TERZA CLASSIFICATA

Migrazion
Tortoree grise infumegae
assa vódi i gnari sói siesoni
‘e se intabàra zo sóa paciarea
par partir prima che ‘a note s-ciare
i gati ancora incoatai
‘e scanpa via na pipada de camin.

Se te ‘e vardi speciae nea petiniera
‘e par ‘e onbre smentegae dai noni
i fassoeti picai sói pèrgoi
‘e saeuda come tanti ani fa
quando i ze partii pa ‘ndar lontan
‘e sachéte inpienae de vento.

I carezava tuti ‘a vanduja
prima de inviarse sóe vanede
i pie che semenava sénare
i musi frapoeai da ‘a scafa
no’ i voéa voear via da de là
i se contava e fòle dee sisie.

Taca slavajare i cópi canta
inpisso a fornea e vardo fóra
mi sóea so restà nea contrà vóda
fasso frégoe de pan e fugassa
da semenar tra ‘e russe co ‘a smete
speto senpre el bechetar sui veri.

Laura Vicenzi  -  Bassano del Grappa ( Venezia)

 

 

Migrazione - Tortorelle vestite di nerofumo/ lasciano vuoti i nidi tra le siepi/ si affossano tra le piume giù tra la fanghiglia/ per partire prima che faccia giorno/ i gatti ancora accoccolati come gomitoli/ se ne vanno via in uno sbuffo di fumo./ Se le osservi passare riflesse nello specchio/ sembrano le ombre scordate dai nonni/ i fazzoletti stesi sui balconi/ le salutano come hanno fatto anni prima/ quando sono partiti per andare lontano/ il povero bagaglio riempito di vento./ Lasciavano una carezza al vascone vuoto/ prima di avviarsi tra i solchi/ i passi che seminavano cenere/ i visi stropicciati dal pianto/ non volevano andare via di lì/ si raccontavano andando le favole delle rondini./ Comincia a piovere si sente il/ canto dei coppi/ accendo la stufa e guardo fuori/sono restata sola qui nella contrada/  sbriciolo pane e focacce/ da seminare fuori tra i rovi per quando smette/ aspetto sempre il becchettare sui vetri.

L’ osservazione di un semplice dato naturalistico, la partenza delle tortorelle vestite di nerofumo riflesse nello specchio della pettiniera, fa scattare, nella poesia di Laura Vincenzi, la rievocazione dolorosa dell’emigrazione dei nonni, con il particolare toccante del saluto muto e dcll’ultima carezza agli oggetti familiari. Dopo l’arioso frullare d’ali e le lacrime che devastano il volto degli emigranti, torna, nella parte finale della composizione, il silenzio della casa deserta, dove l’io lirico, mentre ”comincia a piovere e si sente il canto dei coppi “,  si affida ai gesti consueti (“accendo la stufa e guardo fuori”), per esorcizzare il senso di vuoto e un’assenza  avvertita come intollerabile. [Fabio Dainotti]

PREMIATI CON TARGA   
Antonio Covino, Maria Teresa Merenda, Francesco Palermo, Marisa Santoro, Loredana Simonetti.

 

 

PREMIATI CON MEDAGLIA
Giuseppe Bellanca, Ettore Cicoira, Marco Managò, Maria Luisa Tozzi.